Tab1

I - La Missione
Le discipline giuridiche sono percorse da un profondo cambiamento, per la moltiplicazione delle fonti di produzione del diritto, in ragione dei metodi che innovano l'indagine giuridica, in virtù dell'apertura che investe il sapere del giurista orientandolo a stabilire confronti con altri campi della conoscenza. Sono sfide alle quali il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Napoli Federico II ha scelto di far fronte attraverso un percorso di articolazione della propria offerta formativa che si colloca in quel circuito tra didattica e ricerca scientifica che segnala la principale responsabilità della formazione superiore universitaria.
La centralità di questa missione, vivificata da tutte le componenti della comunità accademica, definisce l'identità culturale del Dipartimento di Giurisprudenza dell'Ateneo fridericiano, che guarda al futuro della formazione universitaria pubblica nel campo degli studi giuridici, memore della sua storia prestigiosa e antica in Europa. Ne rappresenta il principale obiettivo la formazione di un giurista colto, pienamente in possesso delle competenze specialistiche che innervano le varie aree in cui si articola la scienza del diritto, in grado di integrarsi nel panorama ampio delle professioni giuridiche, in base alle proprie attitudini e sensibilità.
 
II - Il Dipartimento e i suoi Corsi di Laurea: i piani di studio, il corso di laurea triennale e la doppia Laurea in Giurisprudenza ed Economia.
L'attuale offerta didattica del Dipartimento prevede il corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (Classe LMG/01), erogato anche in convenzione con l'Accademia Aeronautica di Pozzuoli, e, a partire dall'a.a. 2018/2019, in collaborazione con l'amministrazione del Centro penitenziario Napoli Secondigliano.
Dall'A.A. 2020/2021, sarà attivo il Corso di laurea triennale in Scienze dei Servizi Giuridici (Classe L-14) e prenderà avvio il nuovo piano di studi del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico, articolato in un triennio comune di base e in un biennio caratterizzante suddiviso in indirizzi. A quest'ultimo potranno accedere tutti i nuovi immatricolati e, giunti al termine del terzo anno di iscrizione, gli iscritti in regime transitorio.
Completerà l'offerta formativa del Dipartimento, la previsione, nell'ambito del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (LMG/01), di un piano di studio a indirizzo economico, istituito in collaborazione con il Corso di Laurea in Economia e Commercio dell'Ateneo fridericiano. Costituito come percorso di eccellenza, con un numero programmato di iscritti, il piano  consentirà di conseguire in sei anni di corso la doppia laurea in Giurisprudenza ed Economia.
 
Il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza
  • 1. Il piano e le attività formative comuni del triennio di base
L'offerta formativa con cui il Dipartimento di Giurisprudenza rinnova il proprio corso di studi si articola in una didattica comune e di base, impartita nel corso del triennio, e in un biennio caratterizzate, sulla base di indirizzi di studio.
La proposta del triennio, accanto alle discipline fondamentali comuni, si connota per un canone di spiccata interdisciplinarietà, che si specifica nell'erogazione di una didattica tradizionale, alla quale si congiunge la previsione di percorsi sui concetti fondamentali trasversali alla scienza del diritto, anche su base seminariale. Nel medesimo quadro, trova riconoscimento l'istituzione di attività formative obbligatorie, miranti a contribuire allo sviluppo di attitudini di tipo pratico, già nel percorso di studio curricolare. A ciò contribuiscono i laboratori di scrittura giuridica, le attività concentrate sullo studio di tipo casistico proprio del metodo clinico-legale e della partecipazione a simulazioni processuali nel contesto delle Moot Competitions internazionali, l'approfondimento, nei seminari di diritto e letteratura, dei topoi del discorso giuridico, internamente ed esternamente alla forme della sua istituzionalizzazione linguistica. Analoga attenzione è rivolta al profilo della formazione di competenze teorico-pratiche nell'ambito della didattica delle discipline giuridiche nelle scuole medie secondarie, che consente l'acquisizione di parte dei 24 CFU richieste dal D.lgvo 59/2017 (L. 107/2015) per la partecipazione alle procedure selettive concorsuali di accesso al ruolo docente.
  • 2. Gli indirizzi di studio e la didattica specialistica avanzata
A partire dall'A.A. 2020/2021, nel corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (LMG/01) si incardinerà una rinnovata articolazione didattica, distinta in un triennio comune di base e in un biennio caratterizzante, in base alla scelta di uno degli indirizzi previsti dal piano di studi. Tra questi, optando per un biennio a indirizzo economico, potrà accedersi ad un percorso di eccellenza e a numero programmato che consentirà, con un anno di corso ulteriore, e dopo il conseguimento della Laurea in Giurisprudenza, di ottenere la Laurea in Economia.
La previsione di una didattica per indirizzi nel biennio ha l'obiettivo di definire nel segno dell'approfondimento culturale e della specializzazione tecnica le competenze da maturarsi nel piano dell'offerta didattica del Dipartimento. Si tratta di un percorso che si giova della previsione di attività formative obbligatorie, in base agli indirizzi, e della innovativa previsione di insegnamenti a titolarità congiunta, per discipline specifiche e altamente specializzanti. Nel suo complesso, la didattica per indirizzi è pensata per rispondere con adeguatezza alle esigenze che vengono dalla complessità globale dell'esperienza giuridica contemporanea, ma ritrova anche una sua esplicita finalità nella vocazione a consolidare l'istituzione universitaria pubblica nella sua funzione di tessuto connettivo tra la formazione superiore accademica e le esigenze produttive e culturali che segnano l'identità del territorio.
Fondamentale, per altro verso, la valorizzazione dei tirocini formativi, istituiti nel quadro delle convenzioni siglate dall'Ateneo e dal Dipartimento con istituti ed enti pubblici e privati, e proposti come attività obbligatoria, anche sulla base della scelta dell'indirizzo di studio specialistico.
Gli obiettivi del rinnovato Corso di studi in Giurisprudenza sono rivolti a radicare su solide basi di matrice teorica e culturale lo sviluppo di questo percorso di studio, la cui ambizione complessiva va nella direzione di favorire l'acquisizione di competenze avanzate nel campo delle discipline giuridiche. Ne costituisce la finalità l'ambizione a formare un giurista che sia interprete consapevole del proprio ruolo, in tutti i campi in cui si articola la complessità dell'esperienza giuridica contemporanea.